Il dilemma del curriculum. Memories.

L‘altro giorno, ho realizzato che da parecchi anni non aggiorno più il mio curriculum. Davvero tanti. D’altronde non mi è mai servito, e quando lo ho preparato la prima volta, il layout che andava di modaera ben diverso da quelli che vedo quotidianamente.

Devo dire che non apprezzo molto il “formato europeo”. E’ evidente che chi riceve migliaia di curriculum e deve scegliere velocemente preferisce un formato omogeneo e stringato per non può perdere tempo a leggere dei romanzi e che l’attenzione va colta con poche frasi ben strutturate.

Però se mi fermo a pensare a tutti i curriculum che ho letto, quello che mi è rimasto più impresso è uno ricevuto una decina di anni fa, dove un dipendente di HP mi ha mandato la storia della sua vita, fin troppo dettagliata, dove si poteva ben evincere le competenze al di là degli incarichi.

Non mi sembra una cosa proponibile per rivedere il mio curriculum, ma intanto ho deciso di scrivere le mie memorie professionali qui, sul mio blog per poi vedere cosa ne viene fuori.

Parlerò solo di informatica, partendo dell’inizio, e vediamo fino a dove ho voglia di arrivare e fino dove avrete voglia di leggere…

Stay Tuned…